Post

16 gennaio: D-Flight pubblica le nuove tariffe per abbonamenti e servizi - 15 gennaio: D-Flight da il via all'aggiornamento dei QR-Code, aggiungendo in chiaro il codice operatore EASA - 13 gennaio: EASA aggiorna le AMC/GM (metodi di conformità accettabili e materiale di orientamento) del regolamento UE 2019/947 - 8 gennaio: ENAC pubblica una nota sul sito ufficiale per chiarire alcuni aspetti relativi al QR-Code - 4 gennaio: ENAC pubblica il regolamento UAS-IT ad integrazione del regolamento europeo EASA - 30 dicembre: Attesa per la pubblicazione del mini regolamento UAS-IT da parte di ENAC che avrà lo scopo di normare gli aspetti di competenza nazionale, con l'imminente applicazione del nuovo regolamento europeo EASA - 22 dicembre: DJI illustra la classificazione dei suoi modelli, in previsione del nuovo regolamento europeo - 1 settembre: Di nuovo disponibili i Servizi Online sul portale ENAC - 14 agosto: Attestato CRO. ENAC autorizza l'iter formativo anche in assenza del patentino A1/A3 - 8 agosto: ENAC precisa che l'obbligo del patentino è sospeso e differito al 1 settembre 2020, anche per i piloti che impiegano APR ad uso professionale in operazioni non critiche - 31 luglio: ENAC sospende il requisito dell'articolo 21, comma 1 del Regolamento. L'obbligo del patentino droni ad uso ricreativo slitta al 1 settembre - 23 luglio: EASA conferma; una sola registrazione operatore per tutti i droni della propria flotta - 22 luglio: ENAC emenda il nuovo regolamento e ufficializza il differimento dell'obbligo del transponder (art. 8, comma 2) al 1 gennaio 2021 - 1 luglio: ENAC ha diramato una nota ufficiale nella quale comunica il differimento al 1 gennaio 2021 dell'obbligatorietà del dispositivo di identificazione elettronica (transponder)

COME FARE PER...

registrare-drone-dflight consultare-mappe-dflight difendersi-dai-gabbiani lavorare-col-drone viaggiare-col-drone
1 2 3 4 5

D-Flight si adegua alla normativa europea

Immagine
Abbonamento e QR-code le nuove tariffe D-Flight Finalmente e con due settimane di ritardo, rispetto all'applicazione del nuovo regolamento europeo EASA, il 16 gennaio 2021 D-Flight ha aggiornato i propri sistemi, adeguandosi così alle previsioni della nuova normativa. Fonte immagine: sito web D-Flight Nella pagina web dedicata alle tariffe, si legge; "chi intende operare un mezzo a pilotaggio remoto (APR o UAS) deve registrarsi come Operatore UAS sul portale d-flight e applicare al mezzo il corrispondente QR code Operatore UAS al fine dell’identificazione, con validità EU. Lo stesso QR code Operatore UAS deve essere utilizzato su ciascun mezzo che si intende operare". Dunque, esattamente ciò che è stato sancito dalla Commissione Europea, nel Regolamento di esecuzione UE 2019/947 . e ancora; "Decade l’obbligo di applicare sui propri mezzi APR i singoli QR code UAS. Tuttavia si ricorda che alcuni servizi d-flight sono accessibili solo tramite attivazione di abbonament
stampa la pagina

Ecco il regolamento europeo droni

Immagine
Benvenuto nuovo regolamento europeo droni Come ormai noto, dal 31 dicembre 2020, viene applicato, anche in Italia, il nuovo Regolamento europeo che disciplina l'impiego degli UAS (Unmanned Aircraft Systems), ovvero i nostri droni e che prevede tre distinte categorie, individuate da EASA, in base al livello di rischio e per la suddivisione delle operazioni: - la categoria Open (aperta) per le operazioni non soggette ad autorizzazione preventiva , né ad alcuna  dichiarazione operativa. Questa categoria prevede, inoltre, l'operatività degli UAS privi della nuova marchiatura di classe CE (C0...C4) per un periodo transitorio, ovvero fino al 31 dicembre 2022 , in quella che è stata denominata  Limited Open Category  a sua volta, suddivisa in 3 sottocategorie (A1, A2 e A3)  in base al peso totale al decollo (MTOM) del UAS impiegato. - la categoria Specific  (specifica) per le operazioni che necessitano di una autorizzazione operativa (una tantum), rilasciata dall'Autorità co
stampa la pagina

ENAC pubblica il Regolamento UAS-IT

Immagine
Integrazione di ENAC al nuovo Regolamento europeo droni Con qualche giorno di ritardo sulla tabella di marcia e in seguito all'applicazione del nuovo regolamento europeo EASA ,   diventato esecutivo il 31 dicembre 2020, ENAC ha pubblicato il nuovo regolamento droni  UAS-IT Edizione 1  che dovrà normare tutto ciò che rimane di competenza nazionale e che affiancherà dunque il regolamento del Parlamento europeo UE 2018/1139  il regolamento delegato UE 2019/945 e il regolamento di esecuzione UE 2019/947 . Nuovo regolamento UAS-IT Il ritardo sulla pubblicazione del regolamento che curiosamente risulta retrodatato , ovvero emanato in data 04/01/20201 ma con decorrenza 31/12/2020 , secondo quanto riportato da ENAC su una nota, apparsa sul sito web ufficiale, è da imputare al perdurare della mancanza del dimissionario (dimissioni avvenute il 28/10/2020) e ormai ex presidente dell'Ente, Nicola Zaccheo .  Di conseguenza, il nuovo regolamento è stato adottato, in via d'urgenza, da
stampa la pagina

Il drone Skydio 2 anche in Europa dal 2021

Immagine
La conferma arriva dai vertici dell'azienda californiana È già un grande successo in America e in Canada il nuovo Skydio 2 e, non a caso, è andato letteralmente a ruba. Capacità cognitiva e intelligenza artificiale per rilevare l’ambiente in cui sta volando, sono due delle caratteristiche che lo stanno facendo apprezzare da tantissimi appassionati. Sa riconoscere ostacoli a 360° e riesce ad aggirarli anche ad una velocità di 60 km/h , sia in volo automatico che nel pilotaggio manuale. Skydio 2 - arriverà a breve anche in Europa La stessa tecnologia  APAS  (come riportato da Quadricottero News) è presente anche sul Mavic 2 Pro  ma,   su questi ultimi, i sensori del funzionano appieno solo nelle modalità automatiche e a bassa velocità e vengono disattivati, di default, durante il pilotaggio manuale. Il che lo rende sicuramente meno efficiente rispetto al drone americano. Lo Skydio 2 può essere pilotato in vicinanza di edifici e altre strutture senza rischio di collisione e,
stampa la pagina

Di nuovo disponibili i Servizi Web di ENAC

Immagine
Ripartono le sessioni d'esame per il patentino droni Dopo circa 2 mesi dall'interruzione, in seguito all' attacco hacker , tornano disponibili sul portale di ENAC i servizi online che consentono di sostenere l'esame per il conseguimento dell' attestato di competenza per operazioni non critiche (il cosiddetto patentino A1/A3) per tutti coloro che intendono pilotare un drone di peso superiore a 249 g, anche successivamente all'entrata in vigore del nuovo regolamento europeo EASA che verrà applicato dal prossimo 31 dicembre 2020 . Ripristino Servizi web di ENAC per il patentino online Lo scorso 1 agosto , lo stesso Ente Nazionale per l'Aviazione Civile aveva pubblicato, sul proprio sito ufficiale, un comunicato nel quale annunciava di aver sospeso in via temporanea, e fino al 1 settembre , il requisito di cui all' articolo 21, comma 1 del Regolamento Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto - Edizione 3 - Emendamento 1 del 14 luglio 2020  circa l'obbligo
stampa la pagina

Amazon: arriva l'ok per le consegne con in droni

Immagine
La FAA approva la certificazione di  "vettore aereo" per Amazon La FAA (Federal Aviation Administration)  ha approvato la certificazione che consentirà ad Amazon di gestire la sua flotta di droni per le consegne Prime Air . negli Sati Uniti. L'agenzia ha affermato che l'approvazione conferisce al colosso dell'e-commerce ampi privilegi per le consegne dei pacchi ai propri clienti in modo sicuro ed efficiente. La certificazione rientra nella parte 135 dei regolamenti FAA e permette ad Amazon di trasportare pacchi su piccoli droni, oltre la linea di vista dell'operatore  (BVLOS) . Il servizio Amazon Prime Air diventa realtà Amazon  non è la prima grande società ad avere ottenuto un  "attestato di vettore aereo" e  s i unisce a UPS e Alphabet Wing (che appartiene a Google)   che avevano già ricevuto l'approvazione per i loro servizi di consegna con droni, m a la società di Jeff Bezos è di fatto il primo e-commerce che può vantare questo privile
stampa la pagina

Droni DJI Mavic 2 al guinzaglio

Immagine
Volarious presenta il sistema V-Scout Ci sono applicazioni in cui si vuole semplicemente mantenere il drone in aria più a lungo possibile, magari per monitorare grandi aree, ma senza volare oltre il  VLOS (Visual Line of Sight) . È qui che entra in scena  Volarious , una società con sede a Singapore, specializzata nella costruzione di dispositivi ausiliari per i droni DJI . L'ultima novità si chiama V-Scout , un sistema che converte il Mavic 2 in un dispositivo " persistente"  capace di volare mentre è legato a una scatola a sua volta fissata ad un veicolo e che offre la possibilità di acquisire dati per un lungo periodo di tempo in aree geografiche anche estese. DJI Mavic 2 al guinzaglio È possibile prevedere diversi scenari o casi d'uso in cui un operatore potrebbe avere la necessità di monitorare delle specifiche situazioni quali, per esempio, il controllo delle folle durante dei disordini o anche l'utilizzo da parte dei Vigili del Fuoco, nel monitoraggio e
stampa la pagina

CONVENZIONI

CONVENZIONI
Utilizza il coupon
APRZONE-promo20
per ottenere uno sconto del 20% su tutti i corsi

WEB PARTNERSHIP

WEB PARTNERSHIP
Il Web Magazine dedicato ai droni che non ha bisogno di presentazioni

Il portale dove esercitarsi per sostenere l'esame online per conseguire il patentino

Visualizzazioni totali